Come scegliere un microscopio professionale? Guida all’acquisto, prezzi

1
2
3
4
5
Depstech Endoscopio WIFI Wireless Telecamera Endoscopica Impermeabile Semirigido Lente Zoom...
USCAMEL Microscopio Bambini,40-400x Vetro All-Optic ad Alta Potenza per la Studente...
Microscopio Digitale WiFi,HEYSTOP Mini Telecamera 1080P HD 2MP,Endoscopio Ingrandimento 1000X,8...
TELMU Microscopio Bambini - Ingrandimento di 300X-600X-1200X, Micro Proiettore, con Braccio in...
KKmoon Elettronico Microscopio Microscopio Digitale LCD Portatile G600 con 8 LED Ad Alta...
Depstech Endoscopio WIFI Wireless Telecamera Endoscopica Impermeabile Semirigido Lente Zoom Digitale...
USCAMEL Microscopio Bambini,40-400x Vetro All-Optic ad Alta Potenza per la Studente Professionale...
Microscopio Digitale WiFi,HEYSTOP Mini Telecamera 1080P HD 2MP,Endoscopio Ingrandimento 1000X,8 LED...
TELMU Microscopio Bambini - Ingrandimento di 300X-600X-1200X, Micro Proiettore, con Braccio in...
KKmoon Elettronico Microscopio Microscopio Digitale LCD Portatile G600 con 8 LED Ad Alta...
9.4/10
9.2/10
9/10
7.6/10
7.6/10
DEPSTECH
USCAMEL
HEYSTOP
Telmu
KKmoon
Depstech Endoscopio WIFI Wireless Telecamera Endoscopica Impermeabile Semirigido Lente Zoom Digitale...
Depstech Endoscopio WIFI Wireless Telecamera Endoscopica Impermeabile Semirigido Lente Zoom...
9.4/10
USCAMEL Microscopio Bambini,40-400x Vetro All-Optic ad Alta Potenza per la Studente Professionale...
USCAMEL Microscopio Bambini,40-400x Vetro All-Optic ad Alta Potenza per la Studente...
9.2/10
Microscopio Digitale WiFi,HEYSTOP Mini Telecamera 1080P HD 2MP,Endoscopio Ingrandimento 1000X,8 LED...
Microscopio Digitale WiFi,HEYSTOP Mini Telecamera 1080P HD 2MP,Endoscopio Ingrandimento 1000X,8...
9/10
49,99 €41,99 €
TELMU Microscopio Bambini - Ingrandimento di 300X-600X-1200X, Micro Proiettore, con Braccio in...
TELMU Microscopio Bambini - Ingrandimento di 300X-600X-1200X, Micro Proiettore, con Braccio in...
7.6/10
KKmoon Elettronico Microscopio Microscopio Digitale LCD Portatile G600 con 8 LED Ad Alta...
KKmoon Elettronico Microscopio Microscopio Digitale LCD Portatile G600 con 8 LED Ad Alta...
7.6/10

Di microscopi presenti sul mercato ve ne sono davvero di tanti tipi. I modelli differiscono tra loro per costo, caratteristiche e prestazioni. Il prezzo, comunque, non è l’unico fattore da prendere in considerazione quando il micromondo ci affascina e soprattutto è materia del nostro lavoro. Chi è alla ricerca di un microscopio da usare per fini professionali, è capitato nel posto giusto. In questo dettagliato articolo vi forniremo tutte le informazioni e i consigli utili che vi permetteranno di fare chiarezza tra i vari articoli disponibili prima di effettuare l’agognato acquisto. Buona lettura!

Gli ingrandimenti

Uno dei principali fattori da prendere in considerazione quando si sceglie di comprare un microscopio biologico, ovvero scientifico, è sicuramente quello relativo alla sua capacità di ingrandimento. Questi strumenti sono finalizzati all’osservazione di materiale cellulare e sono dunque caratterizzati da un alto numero di ingrandimenti e retroilluminati.

Un microscopio professionale è capace di ingrandire fino a 1000 volte. Ci sono anche prodotti che appartengono ad una fascia di prezzo alta che arrivano fino a 2000 ingrandimenti.

Se vogliamo, invece, optare per un microscopio da usare in campo universitario, possiamo anche virare per un modello che abbia una capacità minima di 400 ingrandimenti. Ecco, allora, che al momento della scelta la questione degli ingrandimenti dovrà essere senza alcun dubbio prioritaria: si parte da 20 ingrandimenti minimi sino ad arrivare a 2000 massimi. I modelli più gettonati in commercio sono quelli che presentano un minimo di 40 ingrandimenti e un massimo di 1000.

Le componenti principali

Se siete alla ricerca di un microscopio professionale, dovete dar peso anche agli oculari e agli obiettivi. Sono queste due componenti a contribuire agli ingrandimenti del nostro apparecchio.

Per oculare si intende la parte del microscopio su cui poggiamo l’occhio per esaminare il vetrino. L’oculare può essere sia singolo che doppio e triplo. L’obiettivo è la lente che viene proiettata in direzione dell’oggetto da esaminare.

I microscopi professionali hanno un secondo oculare dalla capacità di 20 ingrandimenti. I modelli più diffusi in commercio presentano, invece, oculari standard da 10 ingrandimenti. Gli obiettivi di un microscopio sono, invece, di solito tre e ciascuno presenta un differente ingrandimento. La maggior parte dei modelli prevede obiettivi da 10, 40 e 1000 ingrandimenti.

40x: oculare da 10x su obiettivo da 4x
100x: oculare da 10x su obiettivo da 10x
400x: oculare da 10x su obiettivo da 40x
1000x: oculare da 10x su obiettivo da 100x

Naturalmente i parametri cambiano quando l’oculare presenta 15 ingrandimenti: a tal punto i valori totali sono pari a 60, 150, 600 e 1500.

Ad ogni obiettivo corrisponde una fascia colorata che indica la capacità di ingrandimento. Il rosso equivale ad una potenza di 4x; il giallo ad una potenza 10x; l’azzurro indica una capacità di ingrandimento pari a 40x e il bianco a 100x.

Le lenti

Le prestazioni di un microscopio professionale sono sicuramente legate alla qualità delle sue lenti. I materiali delle lenti sono infatti uno degli aspetti più importanti da valutare al momento della nostra scelta. E’ chiaro che le lenti in plastica non sono affatto adatte per scopi di ricerca: questi microscopi sono a basso costo e sono ideali per finalità ludiche. Inoltre non permettono di osservare il nostro campione in modo nitido; la qualità è scarsa.

Un microscopio professionale è caratterizzato da lenti in vetro. Questi modelli sono funzionali allo studio, alla ricerca e al lavoro scientifico.

Un microscopio professionale, inoltre, deve essere anche capace con le sue lenti di correggere quelle che sono le aberrazioni ottiche che si generano con il passaggio della luce. Parliamo di aberrazioni cromatiche, che si formano ai lati dell’immagine quando si forma un alone colorato, e di aberrazioni sferiche, ossia quando il bordo o il centro dell’immagine risulta sfocata. Per correggere un’aberrazione cromatica servono lenti in vetro a bassa rifrazione e a bassa dispersione. Gli obiettivi indicati sono quelli acromatici, alla fluorite e quelli apocromatici.

Le lenti aprocromatiche sono capaci di correggere ogni tipo di distorsione e presentano un costo molto alto. Le lenti acromatiche, invece, sono alla portata di tutti sul fronte economico ma non sono in grado di correggere le distorsioni. Le lenti alla fluorite hanno un buon rapporto qualità/prezzo.

Gli obiettivi planari sono la soluzione giusta per correggere le aberrazioni sferiche. Questi obiettivi, infatti, hanno la capacità di appiattire il fuoco dell’immagine che presenta così una messa a fuoco uguale e conforme. Appartengono ad una categoria superiore gli obiettivi che sono in grado di correggere ogni tipo di dispersione: parliamo degli obiettivi planocromatici e planapocromatici. Gli obiettivi planacromatici sono obiettivi planari che vanno abbinati alle lenti acromatiche. Gli obiettivi planapocromatici prevedono  obiettivo planare e lenti apocromatiche.

I modelli elettronici

Con l’avanzare della tecnologia anche i microscopi si sono arricchiti di nuove caratteristiche che assicurano migliori prestazioni in campo scientifico. Ci sono, infatti, modelli che presentano un display Lcd che ha preso il posto dell’oculare classico. Questi apparecchi sono molto utili perché consentono di scattare foto e girare video del campione che stiamo osservando. Non c’è inoltre bisogno di stare piegati sul microscopio per analizzare il materiale che vogliamo esaminare.

Le immagini possono essere scaricate o memorizzate su una scheda locale. Inoltre il microscopio con display Lcd dà l’opportunità a più persone di osservare il campione. Non manca qualche difetto: l’elaborazione elettronica può comportare qualche dubbio durante l’osservazione dei particolari.

Non mancano modelli sofisticati ed avanzati tecnologicamente che possono essere connessi al computer. Il collegamento tra i due dispositivi avviene mediante un cavo Usb; questi apparecchi sono caratterizzati da una fotocamera che assicura il trasferimento dell’immagine sullo schermo del nostro computer. Allo stesso tempo è possibile anche osservare il campione con un oculare ottico. Ci sono poi modelli più tradizionali che non prevedono oculari per il personal computer, né un display Lcd. La scelta va sempre fatta in base al tipo di utilizzo dell’apparecchio.

Quanto conta l’illuminazione?

Chi per lavoro ha necessità di osservare campioni biologici e microbiologici deve utilizzare un microscopio professionale perché tali campioni siano retroilluminati. I modelli più nuovi ed avanzati tecnologicamente sono caratterizzati da una lampada integrale.

Le lampade presenti su un microscopio possono essere a Led o alogene. Queste ultime consumano di più e generano anche più calore. Le lampade a Led, invece, presentano un consumo energetico più basso e generano meno calore.

La luce deve essere bianca affinché il campione venga esaminato nei dettagli. Qualora fosse necessario del colore per motivi legati ad una distinzione dei campioni, allora bisognerà usare dei filtri appositi e colorati. I microscopi professionali consentono di regolare la luce: l’intensità della luminosità varia a seconda del campione esaminato e dei dettagli che vogliamo osservare.

Anche il condensatore ha un ruolo molto importante in quanto permette di veicolare la luce in modo che il campione venga illuminato nel modo giusto. Il condensatore va sempre regolato in base alla potenza del fascio luminoso che ci occorre.

I condensatori professionali sono quelli che correggono l’aberrazione cromatica e sferica: parliamo di condensatori acromatici. Più economici sono, invece, i condensatori cromatici che non correggono le aberrazioni. I condensatori planari sono in grado di correggere solo l’aberrazione sferica.

Materiali e fasce di prezzo

Un microscopio professionale presenta lenti e obiettivi di qualità ma anche un condensatore e un tavolo traslatore. Quest’ultimo elemento serve a muovere in modo preciso ed impeccabile il campione che stiamo analizzando. I modelli migliori di microscopio sono quelli in metallo; si tratta di strumenti resistenti e robusti. Più economici e fragili sicuramente sono i microscopi in plastica.

Di prodotti in commercio ve ne sono tanti che differiscono tra loro anche per il marchio che li produce. Ci sono modelli top di gamma, usati per scopi professionali, ed altri che risultano più abbordabili ma che rappresentano la giusta combinazione tra qualità e prezzo. Appartengono ad una fascia più bassa, infine, gli apparecchi che vengono usati dai bambini che amano il mondo della microscopia.

I microscopi, che appartengono ad un fascia di prezzo compresa tra i 50 e i 100 euro, sono strumenti adatti ai bambini o a chi utilizza tali apparecchi solo per finalità ludiche. Si tratta di articoli che possono rivelarsi utili durante le prime osservazioni. Appartengono, invece, ad una fascia media di prezzo i prodotti che hanno un costo compreso tra i 200 e i 400 euro.

I microscopi professionali, usati in ambito laboratoriale per studio o per ricerca, hanno un costo superiore ai 1000 euro. Questi apparecchi sono caratterizzati da lenti e condensatori di ottima qualità. Presentano, inoltre, un tavolo traslatore.

Un microscopio professionale è costituito anche da un maggiore numero di oculari. Gli apparecchi di fascia alta presentano, infatti, tre oculari, mentre i modelli più economici prevedono un oculare singolo. Questi ultimi vengono usati soprattutto per finalità ludiche. I prodotti di qualità intermedia e dal costo accessibile a tutti presentano un binoculare.

Laureata in Medicina Veterinaria, lettrice ‘compulsiva’ e appassionata di scrittura. Adoro arricchirmi quotidianamente di nuove conoscenze e fornire informazioni utili a chi voglia saperne di più su tecnologia, scienza e informatica.

Back to top
Microscopio Migliore